martedì 18 maggio 2010

Il primo menù gianoziano - Introduzione

Abbiamo visto tre ricette didattiche di cucina gianoziana:
  1. antipasto di pere e formaggio;
  2. pasta al pomodoro;
  3. straccetti con cipolla e peperoni.
Partendo da queste tre ricette è possibile combinare un menù completo che ci porterà al nostro primo pranzo gianoziano.
Prima di poter condividere quest'esperienza con altri, è comunque meglio impratichirsi con i vari piatti, ripetendoli e magari adattandoli al nostro gusto e, perché no, anche al nostro supermercato di riferimento. Sono gli ingredienti che fanno la cucina: è meglio cambiare ingrediente piuttosto che utilizzare quello giusto, ma che il nostro supermercato ha di bassissima qualità. In ogni caso, le ricette di questo primo menù non dovrebbero avere problemi di reperibilità degli ingredienti.

Se proprio vogliamo sperimentare direttamente per qualcun'altro, facciamolo con solo il primo o solo il secondo. Ma non è il caso di essere in ansia: male che vada, ordineremo una pizza! Ricordiamoci che le ricette vengono bene la prima volta, pasticciate la seconda e pessime la terza. E' dalla quarta volta in avanti che finalmente la ricetta diventa davvero nostra.

Come prima cosa, prendiamo tempo, quindi evitiamo di invitare per il giorno dopo o per la sera di un giorno in cui dobbiamo lavorare. Il momento ideale è la domenica a pranzo oppure il sabato sera. Più pratica la prima e più romantico il secondo. Così avremo tutto il tempo di fare la spesa, cucinare, preparare la tavola e magari anche fare una doccia prima che lui o lei arrivi. Se è il nostro primo pranzo, invitiamo con almeno cinque o sei giorni d'anticipo.

Nelle prossime puntate, ci metteremo nei panni di chi, sperimentate le ricette tre o quattro volte, ha deciso finalmente di cucinare anche per qualcun'altro, ossia nel 90% dei casi per la sua lei o per il suo lui. Ma dev'essere amore vero: nella cucina gianoziana un principiante si riconosce al primo sguardo e quindi la nostra lei o il nostro lui deve apprezzare innanzitutto lo sforzo e l'impegno. E se apprezzerà anche il menù, bè, allora, prepareremo i fiori d'arancio!

Nessun commento:

Posta un commento