lunedì 16 gennaio 2012

Il fagiano

Pheasant Il fagiano fa parte della selvaggina da penna ed è caratterizzato dalla lunga coda e dai bei colori. Il maschio, più grande della femmina, ha le dimensioni di un piccolo pollo (tipo quelli che si usano nelle rosticcerie).
La carne è molto asciutta, con poco grasso e quasi stopposa. Il sapore è intermedio tra il pollo e il tacchino, con in più il classico sentore di selvatico della cacciagione, che però è molto lieve. Va frollato come il tacchino, ossia poco più di una settimana nel cassetto più freddo del frigorifero o meglio ancora almeno un paio di giorni in congelatore.
Le ossa sono più fragili e con più cartilagine del pollo e del tacchino, per cui bisogna fare più attenzione quando lo si disossa. In compenso è più facile da fare a pezzi.
Gli aromi del fagiano sono il ginepro e l'alloro, a cui si può aggiungere del timo. Si sposa con la frutta, in particolare mele e uva. Essendo molto asciutto va steccato con lardo o pancetta se fatto arrosto.
L'odore di selvatico è appena percepibile e non sgradevole. Per moderarlo, si può lavare con aceto e marinare con zenzero e altre spezie per una notte prima di cuocerlo.

3 commenti:

  1. Grande blog, verrò di nuovo qui!
    La ricetta è incoraggiante, sembra grande!

    RispondiElimina
  2. Un acquisto fatto bene ti premia nel tempo. Prova la salsa ai capperi. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NjA3MDc5MywwMTAwMDAzMixzYWxzYS1haS1jYXBwZXJpLTEzMGcuaHRtbCwyMDE2MDcxNCxvaw==

    RispondiElimina
  3. Chi cerca trova... è vero!!! Ma vieni a cercare nel posto giusto. Scopri i piselli e timo. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ2NzAzNDcwMSwwMTAwMDA1OSxwaXNlbGxpLWUtdGltby0xODBnLmh0bWwsMjAxNjA3MjUsb2s=

    RispondiElimina